Ultima modifica: 29 Novembre 2014

La scuola dell’infanzia

La scuola dell’infanzia “GIOVANNI PAOLO II”06_infanzia2

Organizzazione oraria

  • La scuola offre un servizio all’utenza da lunedì a venerdì dalle 7,45 alle 17,00.
  • Rispettando il cal05_infanzia1endario ministeriale, la scuola inizia i primi giorni di settembre e termina il 30 giugno.

Risorse umane

  • Docenti di sezione : 12
  • Docenti di sostegno: 2
  • Docenti di religione : 1
  • Collaboratrici scolastiche: 3

Finalità della scuola dell’ infanzia

La scuola dell’Infanzia ha una propria autonomia ordinamentale.

Secondo le precedenti disposizioni normative, tra le finalità di questo particolare settore rientrava  quella di preparazione alla frequenza della scuola dell’obbligo, ma  l’attuale scuola ha superato l’angusto limite di tale finalità ed è pervenuta ad una specifica identità.

La scuola dell’Infanzia è una scuola a tutti gli effetti e si connota per la forte valenza educativa che non lascia prevalere finalità assistenziali. Concorre all’educazione e allo sviluppo affettivo, psicomotorio, cognitivo, morale, religioso e sociale delle bambine e dei bambini, promuovendone le potenzialità di relazione, autonomia, creatività, apprendimento.

Si propone le seguenti finalità:

  • la maturazione dell’identità del bambino;
  • la conquista dell’autonomia;
  • lo sviluppo della competenza;
  • lo sviluppo della cittadinanza.

Lo sviluppo dell’identità comporta l’imparare a stare bene e sentirsi sicuri nell’affrontare nuove esperienze in un ambiente sociale allargato, imparare a conoscersi e sentirsi riconosciuti come persona unica e irripetibile.

Lo sviluppo dell’autonomia comporta l’acquisizione della capacità di interpretare e controllare il proprio corpo; partecipare alle attività nei diversi contesti; avere fiducia in sé e fidarsi degli altri; realizzare le proprie attività senza scoraggiarsi; provare piacere nel fare da sé e saper chiedere aiuto; esprimere con diversi linguaggi i propri sentimenti e le proprie emozioni; esplorare la realtà e comprendere le regole della vita quotidiana; assumere atteggiamenti sempre più responsabili.

Lo sviluppo della competenza porta il bambino a riflettere sull’esperienza attraverso l’esplorazione, l’osservazione e l’esercizio al confronto; a descrivere la propria esperienza e tradurla in tracce personali e condivise, rievocando, narrando e rappresentando fatti significativi; a sviluppare l’attitudine a fare domande, riflettere, negoziare i significati.

Lo sviluppo del senso della cittadinanza porta a scoprire gli altri, i loro bisogni e la necessità di gestire i contrasti attraverso regole condivise, che si definiscono attraverso le relazioni, il dialogo, l’espressione del proprio pensiero, l’attenzione al punto di vista dell’altro, il primo riconoscimento dei diritti e dei doveri; pone le fondamenta di un abito democratico, eticamente orientato, aperto al futuro e rispettoso del rapporto uomo-natura.

 07_infanzia3

LA GIORNATA SCOLASTICA

Le attività pianificate con un orario non rigido, si organizzano come segue:

MATTINO 7.45/8.30 e 8.45 / 9.00 9.15 – 11.45
  •  Accoglienza bambini, gioco libero;
  • spuntino, attività in grande gruppo;
  • svolgimento delle attività didattiche specifiche programmate in sezione o in intersezione con piccolo/medio gruppo;
  • riordino del materiale e preparazione per il pasto.
12.00-13.00/ 12.30-13.30
  • Pasto
POMERIGGIO 13.30 – 15.45 
  • Attività libere o guidate in sezione;
  • gioco libero in salone o giardino;
  • riordino materiale e preparazione per l’uscita bambini.

 

 08_infanzia409_infanzia5

La progettazione curricolare

Le Indicazioni Nazionali indirizzano le attività verso i seguenti campi di esperienze educative: il sé e l’altro; il corpo e il movimento; linguaggi, creatività, espressione, i discorsi e le parole, la conoscenza del mondo

Il primo mese dell’attività didattica è impiegato dalle insegnanti per la conoscenza dei singoli bambini, attraverso il dialogo e l’osservazione sistematica di ognuno.

Le insegnanti, dopo aver analizzato e discusso insieme la situazione di partenza e tenendo presenti le caratteristiche dell’ambiente socio-culturale, progettano le attività educativo- didattiche finalizzate a favorire la crescita e lo sviluppo della personalità dei bambini.

La progettazione curricolare si arricchisce di attività proposte nei laboratori che le insegnanti di sezione utilizzano con piccoli gruppi di bambini.

Laboratorio creativo-manipolativo e video

Finalizzato a:10_infanzia6

  • Giocare con vari materiali e sperimentare varie sensazioni.
  • Potenziare la creatività.
  • Realizzare piccoli lavoretti manuali .

Laboratorio di psicomotricità

Finalizzato a:

  • Favorire lo sviluppo corporeo del bambino.
  • Riconoscere la   centralità   del   corpo  nel processo   di   conoscenza   dei    concetti fondamentali di spazio e tempo.
  • Favorire il gioco e il movimento in piccoli gruppi, omogenei per età.

Laboratorio di pittura

Finalizzato a:

  • sperimentare varie tecniche pittoriche usando molteplici materiali e strumenti appositi.
  • favorire lavori di gruppo o di intersezione.
  • riconoscere e sperimentare tutti i colori :primari, derivati e le loro sfumature

Progetto di propedeutica musicale11_infanzia7

Obiettivi:

  • apprendimento di semplici sequenze ritmico e melodiche
  • apprendimento di semplici regole musicali e di relazione attraverso di essa
  • utilizzo di strumenti musicali come canale espressivo e come accompagnamento

Progetto di lettura animata (biblioteca)

Finalizzato a:12_infanzia8

  • Favorire un primo approccio educativo ai libri, alle immagini
  • favorire la curiosità e il desiderio nel primo codice scritto
  • far nascere l’amore per il libro come primo veicolo della cultura

Laboratorio-spettacolo teatrale

Finalizzato a:

  • Favorire lo sviluppo della capacità di esprimersi liberamente attraverso il suono e il movimento
  • Favorire la capacità d’ascolto
  • Favorire una maggiore consapevolezza del sé corporeo attraverso scambi di ruoli e giochi di drammatizzazione

Oltre ai laboratori curati dal personale docente, vengono proposti ai bambini progetti curati da esperti che, in collaborazione con le insegnanti, integrano la proposta educativa annuale. 

Uscite finalizzate13_infanzia9

Visita guidata, uscita didattica ( meta inerente la programmazione attuata durante l’anno).  Persegue le seguenti finalità:

  • Favorire un’esperienza di condivisione  con i compagni
  • Favorire la conquista della autonomia
  • Favorire la conoscenza di   ambienti esterni